Come scegliere il fotografo del proprio matrimonio

Potrà sembrare banale, ma scegliere il giusto fotografo per il proprio matrimonio richiede alcune considerazioni non trascurabili, che abbiamo riassunto in 5 punti:

– E’ innanzitutto indispensabile assicurarsi che il fotografo a cui avete pensato di rivolgervi sia a tutti gli effetti un professionista: per ovviare all’inconveniente, basterà accertarsi che sul sito web dell’azienda sia indicato il numero di partita iva.

– I pacchetti “all inclusive” nascondono spesso lavori mediocri di cui diffidare. Un fotografo “professionista” sostiene spese molto alte, perché mette a disposizione dei propri clienti attrezzature e software all’avanguardia e investe nella formazione dei propri dipendenti (non semplici assistenti, ma  anch’essi fotografi!) e nella pubblicità. Per tutti questi motivi, è bene diffidare da coloro che presentano preventivi troppo bassi: il prezzo è sempre un indicatore di qualità a cui fare riferimento!

– Se volete valutare lo stile e la qualità del lavoro del fotografo, bisogna visionare dei servizi completi: sfogliare una selezione delle migliori foto, tratte da cerimonie differenti, non vi da un quadro esaustivo del lavoro che il fotografo è chiamato a fare. Oltretutto, in questo modo sarete certi di evitare di visionare campionari di aziende o immagini rubate.

– Il fotografo non si limita a catturare i momenti più belli, ma opera anche un lavoro di post-produzione delle immagini: per evitare brutte sorprese, assicuratevi sempre che sia compreso nel prezzo del servizio e in quale misura.

– Infine, ricordate che il fotografo è tenuto a consegnarvi tutti i file originali in alta risoluzione e non coperti da marchi e copyright.

next one

Come diventare i perfetti invitati di nozze: ecco l’identikit!